Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 26 Marzo - ore 15.49

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Foto con il corazziere e gita al Quirinale per gli scolari monterossini

Foto con il corazziere e gita al Quirinale per gli scolari monterossini

Cinque Terre - Val di Vara - Ieri, martedì 5 Febbraio, si è svolta la visita annuale al Palazzo del Quirinale nell’ambito del Progetto di Educazione Civica sostenuto dall’Amministrazione comunale di Monterosso a beneficio degli studenti della Scuola Secondaria di Primo grado di Monterosso.

Grazie a questo progetto le ragazze ed i ragazzi del paese, ogni anno, avranno l’occasione di visitare la Casa del Governo. “L’obiettivo è quello di sviluppare nelle nuove generazioni una sempre maggiore consapevolezza del proprio passato – commenta il Sindaco Emanuele Moggia – far crescere e consolidare una cosciente partecipazione civica così che i nostri ragazzi possano essere, un domani, adulti e cittadini maturi e responsabili”

Attraverso una visita guidata al Palazzo, i giovani monterossini con attenzione, partecipazione e molta curiosità hanno potuto scoprire un patrimonio di arte, storia e cultura di inestimabile valore, espressione della creatività e del genio degli italiani.

Quest’anno le classi hanno avuto anche la possibilità di partecipare alla mostra interattiva “1938: l’Umanità Negata - Dalle leggi razziali ad Auschwitz”.
Il percorso, progettato da Paco Lanciano, è stato promosso dalla Presidenza della Repubblica con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e la Fondazione Memoriale della Shoah di Milano Onlus, in collaborazione con l’Istituto Luce, Enciclopedia Italiana e Rai Cultura.

Attraverso l’ausilio di tecnologie immersive e multimediali e tramite documenti originali “parlanti”, i visitatori hanno vissuto il viaggio di una famiglia ebrea dalla discriminazione razziale all’abisso di Auschwitz.

La storia ripercorsa racconta il periodo buoi di quegli anni, delle leggi che, invece di difendere i diritti diventano strumenti per discriminare i cittadini. Approvate nel 1938 le Leggi Razziali di Mussolini trovano appoggio e diffusione a tutti i livelli istituzionali della politica, della cultura e della società italiana. Si apre una pagina infamante della nostra storia in cui lo Stato si svuota di ogni elemento di democrazia per scagliare il suo odio cieco verso una minoranza di italiani, attivi nella cultura, nell’economia, nelle professioni e nella vita sociale.
Vengono cacciati i bambini dalle scuole, i maestri e i professori non possono più insegnare, gli Ebrei vengono allontanati dalle Amministrazioni e dagli enti pubblici, vengono confiscati loro beni e attività commerciali.
La superiorità della razza e la persecuzione viene sostenuta da intellettuali, scienziati, medici, giuristi e storici compiacenti al Regime. Il popolo ebraico è prima condannato all’isolamento e alla segregazione fino alla negazione all’appartenenza al genere umano attraverso la deportazione e l’eliminazione fisica.

Solo con il ritorno alla democrazia e con l’approvazione della nostra Costituzione siamo tornati ad avere strumenti che ci proteggono dal pericolo di rivivere questi orrori.

A conclusione della mostra i ragazzi di Monterosso hanno letto ad alta voce l’Articolo 3 della Costituzione, direttamente da una delle tre copie originali esistenti, firmata il 27 dicembre 1947 da Enrico de Nicola, Alcide de Gasperi ed Umberto Terracini: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”.
Questo vuol dire rifiutare vecchi e nuovi razzismi e promuovere una vera cultura di convivenza e pace tra tutti noi. Da 70 anni viviamo, all’interno della Comunità Europea, un periodo di assenza di guerra. Preservare l’Europa unita significa anche non rischiare di ricadere in un vortice di conflitti secolari. I valori ed i principi contenuti nella Costituzione italiana e che sono alla base dell’Unione Europea ci difendono contro razzismo e guerre. Per questo è bene per tutti noi custodirle con cura e difenderle con passione.

Si ringraziano tutti i ragazzi per l’attenzione e l’interesse dimostrati, gli insegnati che hanno partecipato alla giornata, il Comitato di Gemellaggio e tutti gli organizzatori del Progetto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News