Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 20 Giugno - ore 10.04

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Follo, ecco il cantoniere di frazione: "Prima scarso decoro, cimiteri indecenti"

L'amministrazione Mazzi mette a referto il primo degli otto obbiettivi dei fatidici centro giorni d'esordio. L'annuncio: "Fra due settimane apre l'isola ecologica". E una puntura: "Gestore non pagato negli ultimi mesi".

Spazzamento, sfalcio, cestini
Follo, ecco il cantoniere di frazione: "Prima scarso decoro, cimiteri indecenti"

Cinque Terre - Val di Vara - Prima spunta verde sulla lista degli otto punti da conseguire nei primi cento giorni di amministrazione comunale stilata in campagna elettorale da Rita Mazzi, sindaco di Follo, e dalla sua squadra, in sella da undici giorni. L'obbiettivo centrato a tempo record dal neo governo di centrodestra è l'introduzione del cantoniere di frazione. Sono previste due fasi di applicazione. Ritenuta critica da Palazzo civico la situazione delle due frazioni più grandi, da martedì 11 a sabato 15 giugno una squadra lavorerà stabilmente su Pian di Follo e da lunedì 17 giugno a venerdì 21 si sposterà su Piana Battola. Nel frattempo un'altra squadra interverrà, secondo un preciso calendario (immagine allegata all'articolo), sulle altre frazioni. Sabato 22 giugno il piano di pulizie entrerà nella seconda fase ordinaria che vedrà due operai e una macchina diventare una presenza costante sul territorio. Il servizio di cantoniere di frazione prevede spazzamento, sfalcio della ricrescita vegetativa lungo i camminamenti pedonali e le aree pavimentate, cambio dei cestini in tutte le frazioni e pulizia dei cimiteri. Undici in tutto le unità lavorative al momento coinvolte: due risorse Maris, l'operaio comunale, sei Auser e due borse lavoro. Undicimila euro il costo mensile del servizio.

“Un servizio richiesto a gran voce dalla cittadinanza – ha esordito stamani in conferenza stampa la prima cittadina Mazzi -. Consentirà di migliorare le condizioni igienico sanitarie delle strade e di tutelare il decoro urbano del comune. Decisiva la fruttuosa collaborazione tra amministrazione comunale, Acam ambiente e Cooperativa Maris. Un grazie all'esperienza del consigliere Kristopher Casati per l'ideazione del piano di intervento necessario per garantire efficienza e funzionalità del nuovo servizio. Dalla prossima settimana i cittadini delle varie frazioni non potranno più sentirsi abbandonati o dire 'non vediamo mai nessuno'. Una volta ripristinati il decoro e l'igiene urbana si procederà con lo sfalcio dei centri storici delle frazioni collinari e una conseguente approfondita pulizia di ogni singola frazione. Finalmente un territorio non più abbandonato. I follesi vedranno risolte criticità divenute ormai intollerabili”. L'assessore ai Lavori pubblici Corrado Vezzi ha parlato di “una risposta concreta alle numerose richieste dei cittadini ascoltate nel corso degli incontri nelle frazioni, alcune delle quali nel corso di questi anni sono state dimenticate”. Fabrizio Fincato, direttore di Acam Ambiente, ha elogiato “efficaci forme di sinergia come questa, miranti a migliorare i servizi tenendo sempre chiaro l'obbiettivo della mitigazione tariffaria. Questa collaborazione fa il paio con i lusinghieri risultati qualitativi e quantitativi sul fronte differenziata”. Il dirigente ha altresì fatto cenno agli “ottimi risultati della tariffa puntuale”, annunciando infine l'imminente apertura dell'isola ecologica di Greti di Durasca: due settimane al taglio del nastro. Così Stefano Ambrosini, vice presidente di Maris: “Cominciamo con una sorta di reset nelle due frazioni principali, poi il servizio diventerà ordinario da inizio luglio. In linea con la nostra natura sociale, faremo in modo di creare inserimenti lavorativi per cittadini di Follo senza lavoro o in condizioni di difficoltà”.

“Stamani ho fatto un giro del comune – ha osservato Casati, che a Spezia è assessore all'ambiente e a Follo è fresco di nomina alla presidenza del consiglio comunale – e il bisogno di decoro è chiaro, fino ad oggi non è stato curato. C'era un servizio 'accentrato' sul Comune, con l'unico operaio che veniva spostato da una parte all'altra. Emblematico il caso dei cimiteri: stamani sono passato da quello di Piana Battolla, è in condizioni indecenti. Impensabile non avere rispetto neppure per i defunti, come anche, in generale, pensare di tenere un comune pulito con un solo operaio affiancato dalle risorse Auser e dalle borse lavoro, che però, come è giusto, lavorano per un monte ore limitato, commisurato alla loro retribuzione”. Da Casati un grazie ad Acam e Maris (“Partner di qualità”) e, tra le righe, un'altra punturina all'amministrazione a guida Giorgio Cozzani, da cui Casati si è discostato nell'ultima fase di mandato. Ragionando sui possibili ritocchi ai ritiri domiciliari in funzione dell'apertura dell'isola ecologica, l'ex vice sindaco ha infatti evidenziato come i dati più freschi sui conferimenti dei follesi manchino “perché il Comune in quest'ultima fase non ha più pagato il gestore. Abbiamo i dati fino alla mia gestione (come consigliere delegato all'ambiente, delega revocata lo scorso inverno, ndr)”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Cantoniere di frazione, il piano di giugno Archivio CdS


Notizie La Spezia































La Piazza Sospesa sorgerà tra Via Diaz e il lungomare: vi piace il progetto?











Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News