Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 17 Gennaio - ore 15.18

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Contratto servizio Trenitalia, scatta il ricorso di pendolari e operatori

"La Ragione firma l'intesa senza sapere quanto frutta la sua vigna".

Contratto servizio Trenitalia, scatta il ricorso di pendolari e operatori

Cinque Terre - Val di Vara - Nuovo ricorso da parte del comitato di residenti, pendolari ed operatori delle Cinque Terre. Nel mirino, il contratto quindicennale tra la Regione Liguria e Trenitalia siglato oggi stesso. Il comitato, che racchiude oltre a privati cittadini anche associazioni quali le Pro loco di Riomaggiore e Monterosso e 'Uniti per Corniglia', torna a rivolgersi al tribunale amministrativo dopo il ricorso - sottoscritto da circa 2mila persone - a tema 'Cinque terre express', in merito al quale il tribunale deve ancora esprimersi.

Dichiarano oggi dal comitato: "Il documento di raccomandazioni sul tema del servizio ferroviario e del Contratto di Servizio che costituisce di per sé un atto rilevante - soprattutto se, come in questo caso, è firmato all'unanimità dai consiglieri membri della IIIa Commissione -ci ha lasciato per un breve periodo la speranza che l'apparato politico della Regione volesse e potesse finalmente prendere in mano la situazione e fosse pronto a ridefinire anche i ruoli del Fornitore, delle Rappresentanze dei cittadini ed il proprio ruolo di Committente. Ruolo che esercita per conto e per mandato del cittadino elettore, con i cui contributi finanzia il servizio pubblico.
Ma mentre insieme agli altri comitati dei pendolari si cercava di portare un contributo costruttivo, dalla Regione arrivava incredibilmente la risposta negativa dell'istanza di accesso agli atti, con cui i ricorrenti chiedevano i dati relativi agli introiti derivanti dalla vendita dei titoli di viaggio nelle Cinque Terre, la cui “scarsità” (!) sarebbe stata alla base della necessità di introdurre il biglietto maggiorato da 4,00 euro (e che - lo ricordiamo - in origine veniva imposto anche a tutti i cittadini liguri in visita, eccetto i residenti dei Comuni del Parco)".

Il motivo dell'opposizione da parte di Trenitalia, proseguono i ricorrenti, "precisato che formalmente la decisione delle tariffe da applicare è di competenza della Regione, è che i dati sugli introiti che derivano da tale tariffa sono riservati, come se il Fornitore fosse un azienda privata e non, come è, un’azienda pubblica!
Probabilmente abbiamo una visione troppo elementare, ma il dubbio che ci sorge, da questa periferia del mondo che attrae milioni di visitatori, tanto che fungere da traino economico per tutta la Liguria, è: puoi lasciar decidere al “mezzadro” quale sia la tua parte, se non sai quanto frutta la vigna che gli hai dato in gestione? - e come è possibile firmare da parte della regione un contratto basato sul "corrispettivo pubblico" con un Fornitore, di cui al committente non sia dato di conoscere i dettagli degli introiti?
Perché questo è quanto si evince sempre dalla lettera con cui la Regione ha trasmesso il diniego da parte di Trenitalia di mettere a disposizione i dati: che la Regione non sa quanto frutta il suo “campo”, invitandoci a chiederlo direttamente al contadino che lo coltiva.
Eppure, in questo contesto la Regione va a firmare un Contratto di Servizio con Trenitalia di 15 anni. Già solo una così lunga durata (a prescindere da chi sia il fornitore) ci dà la misura dell'importanza dell'atto che si va a siglare e della forza della controparte, e di quanto sarà difficile per un’Amministrazione Regionale, attuale e futura apporre dei correttivi una volta che sia stato firmato".

E' per questo quindi che residenti, pendolari e operatori delle Cinque vanno ad un nuovo ricorso al Tar, "senza perdere la speranza che presentare le esigenze dei cittadini agli amministratori da essi eletti - concludono dal comitato - possa contribuire ad un confronto costruttivo e alla riappropriazione da parte della Regione del ruolo di Committente in rappresentanza dei suoi cittadini con la forza che le compete".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Palladino e Mora in rampa di lancio: quale giocatore dovrebbe fare spazio in lista A?

































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure