Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 01 Giugno - ore 21.48

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Borghetto, un lettore: "Auto su ponte pericoloso?". Il sindaco: "Solo sotto il profilo idraulico"

La lettera e la risposta del primo cittadino
Borghetto, un lettore: "Auto su ponte pericoloso?". Il sindaco: "Solo sotto il profilo idraulico"

Cinque Terre - Val di Vara - "Intervengo in merito ad un argomento che nonostante mi sforzi, non riesco assolutamente a capire". Esordisce così nella sua lettera inviata alla redazione, Daniele Rebecchi, un abitante di Borghetto Vara che ha preso carta e penna e ha messo nero su bianco le sue perplessità su un aspetto della viabilità locale degli ultimi mesi.
"Il ponte sulla Statale Aurelia, all’interno di un centro abitato, sta per essere demolito dopo che Anas e Comune ne hanno accertato la ‘pericolosità’, sino a qui tutto regolare... mentre quello che non è assolutamente chiaro è come si è sviluppata la situazione sino al momento attuale. Per spiegare tutto bisogna risalire alla violenta alluvione del 2011 in cui il torrente che attraversa il paese seminò danni e distruzione scaricando la propria violenza su questo ponte e su di un altro immediatamente adiacente; la ricostruzione dell’altro ponte, è stata portata a termine recentemente dopo notevoli ritardi (dovuti anche all’intervento della magistratura), deviando nel frattempo tutto il traffico sulla struttura che ora sarà demolita. La domanda che mi pongo è questa: il ponte è diventato pericoloso all’improvviso oppure quando raccoglieva tutto il traffico sull’Aurelia aveva già problemi?". I ponti dei quali parla il lettore sono quelli che si trovano all'altezza del centro abitato di Borghetto sul Torrente Pogliaschina: quello più a valle è stato demolito, ricostruito e inaugurato nei mesi scorsi. Quello più a monte ne seguirà la sorte.
"E se i problemi, da come si evidenzia dalle dichiarazioni di chi amministra, risalgono al periodo dell’alluvione, perché quando l’altro ponte era in costruzione tutti siamo stati fatti transitare su questo che rischiava di crollare da un momento all’altro? Perché per anni siamo stati obbligati a percorrere un tratto di strada estremamente ‘pericoloso’, testuali parole del primo cittadino?".

La risposta CDS l'ha chiesta a stretto giro di posta allo stesso sindaco di Borghetto, Claudio Delvigo.
"Il ponte - spiega - è in assoluta sicurezza per quel che riguarda il transito dei mezzi e la capacità di sopportarne il peso. La potenziale pericolosità alla quale fa riferimento il cittadino è riferita solamente al franco idraulico in caso di piena del torrente. Lo dimostra il fatto che in occasione delle allerta rosse viene allertata anche Anas, che invia un mezzo con equipaggio per l'eventuale chiusura del ponte. In ogni atto dell'amministrazione relativo all'alluvione del 2011 - prosegue Delvigo - le motivazioni di quanto accaduto vedono quel ponte sempre protagonista perché sono sufficienti poche piante trasportate a valle per creare un tappo che porta a una fuoriuscita incontrollata di acqua. Grazie anche all'interessamento dell'assessore regionale alle Infrastrutture, Giacomo Giampedrone, abbiamo convinto Anas che non è sufficiente fare le pulizie nel greto per ottenere una luce maggiore al di sotto del ponte: si tratterebbe solamente di un palliativo la cui efficacia durerebbe poche settimane. Dunque, così come è accaduto per l'altro ponte è necessario aumentare il franco idraulico procedendo alla realizzazione di una nuova infrastruttura. Basta guardare le foto dei due ponti per comprendere meglio. Al momento Anas sta ripristinando l'area di cantiere e verso la fine di questa settimana si svolgerà un incontro nel quale sarà stilato un cronoprogramma degli interventi, ma è quasi certo che la demolizione sarà già stata effettuata entro la prima metà di aprile", conclude il sindaco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

La differenza nella "luce" sotto i due ponti sul Torrente Pogliaschina


Notizie La Spezia




VIDEOGALLERY






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News