Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Giugno - ore 10.07

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Apprendere e riflettere sull’eremo Agostiniano del Mesco

Dopo l’abbandono il decadimento fu progressivo, in particolare nei primi anni del novecento quando nelle vicinanze venne costruito un semaforo marittimo, utilizzando tanto materiale lapideo del monastero.

testimonianze
Apprendere e riflettere sull’eremo Agostiniano del Mesco

Cinque Terre - Val di Vara - Una recente attività dell’alpinismo lento tra Monterosso e Bonassola ha voluto portare l’attenzione e far riflettere i partecipanti su cosa rimane oggi, dei resti di un’antica chiesa con il suo contiguo romitorio ( luogo dove scelgono di vivere gli eremiti dedicandosi alla preghiera e alla penitenza ), situato sul promontorio del Mesco, a circa 310 metri sul livello del mare, in posizione estremamente panoramica tra l’isola del Tino ed il promontorio di Portofino, lungo il sentiero, tra Monterosso e Levanto.

Osservando i ruderi rimasti, si comprende subito che si tratta di un luogo permeato di storia, infatti le prime notizie dell’eremo di Sant'Antonio del Mesco, come ha raccontato l’associato Armando De Simoni di Monterosso, che ha condotto la visita del Mangia Trekking, risalgono al 1380,  anche se sembrerebbe che la chiesa, ed il romitorio, siano stati costruiti in un periodo precedente. Per la posizione a dominio su un ampio arco costiero, si ritiene che fin dall’altomedioevo fosse utilizzato come luogo di avvistamento e segnalazione.

Chiesa ed eremo furono poi abbandonati nel 1610, quando i religiosi si trasferirono nel monastero di Levanto, ove oggi si trova l’ostello della gioventù. Mentre la statua di sant'Antonio abate, risalente al XV secolo, oggi si trova all'interno dell'Oratorio della Morte e Orazione di Monterosso. Dopo l’abbandono il decadimento fu progressivo, in particolare nei primi anni del novecento quando nelle vicinanze venne costruito un semaforo marittimo, utilizzando tanto materiale lapideo del monastero.

Un “semaforo” che oggi abbandonato, è vittima di evidenti atti di vandalismo. Gli amici del Mangia Trekking nel riprendere il cammino, ancora una volta hanno convenuto che il territorio del levante ligure, a straordinarie bellezze naturali unisce un importante patrimonio storico-religioso, ma per entrambi si deve ancora lavorare molto affinché siano curati e custoditi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mangiatrekking al Mesco


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News