Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 19 Aprile - ore 09.04

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Affollamento turistico, ora Riomaggiore chiarisce le competenze

Con il voto dell'ultima seduta del consiglio comunale, l'ente di Via Telemaco Signorini approva un piano di gestione del rischio che individua le aree critiche, come stazioni e moli che non sono però di altri proprietari.

verso l'estate
Affollamento turistico, ora Riomaggiore chiarisce le competenze

Cinque Terre - Val di Vara - Nella seduta di sabato scorso il consiglio comunale di Riomaggiore ha approvato il Piano Speditivo di Protezione Civile per la gestione del rischio affollamento e modificato alcuni aspetti del Piano Speditivo di Protezione Civile per Rischio idrogeologico. "Le amministrazioni comunali devono essere messe in condizione di garantire la sicurezza e la vivibilità dei borghi - spiega il sindaco Fabrizia Pecunia -, mentre oggi sono le uniche responsabili nella gestione dell’affollamento, una problematica che deve avere un ambito di azione più ampio perché vede più soggetti coinvolti.
Per questo abbiamo approvato un Piano per la gestione del rischio affollamento che individua le aree critiche, gli affollamenti massimi per area, i diversi soggetti responsabili del flusso turistico in dette aree e le azioni conseguenti.
Le tabelle di calcolo degli affollamenti massimi per area sono state redatte tenendo conto, non solo degli spazi massimi disponibili, ma anche di un coefficiente di vivibilità che rappresenta l’elemento fondamentale per l’esistenza stessa del territorio".

Dall’analisi effettuata sono emersi alcuni punti nodali del territorio per i quali è necessario porre particolare attenzione, a causa della particolare conformazione e dell’assenza di vie di fuga, nei quali è necessaria l’apposizione di sistemi di controllo dei flussi anche preventivi (es. Stazione/Tunnel Manarola). Inoltre, è emerso che sul territorio insistono aree fortemente interessate dal rischio affollamento che sono di proprietà o in gestione a soggetti diversi dall’Ente locale, il quale non risulta messo in condizioni di garantire la sicurezza in quanto non è conoscenza preventivamente del flusso di persone in transito, come stazioni ferroviarie e moli. Sulla base delle tabelle di calcolo contenute nel Piano, da cui si evincono gli affollamenti massimi per area, tutti i soggetti interessati possono conoscere il massimo affollamento consentito nelle singole zone di competenza ed adeguare la loro attività nel rispetti di detti limiti invalicabili, nell’ottica di responsabilizzazione a salvaguardia dell’incolumità pubblica.

Per questo motivo, a seguito dell’approvazione del Piano è stata emessa dal sindaco un’ordinanza contingibile e urgente nei confronti di tutti i soggetti terzi coinvolti nella gestione del flusso turistico, volta all’adeguamento dei loro Piani Interni di Emergenza degli edifici e delle aree ritenute critiche e interessate da possibile sovraffollamento. "Il piano e le ordinanze ad esso collegate - continua Pecunia - rappresentano un punto fermo per l’amministrazione comunale di Riomaggiore, in quanto per la prima volta definiscono in modo chiaro ed inequivocabile le priorità nella gestione della politica di sviluppo del territorio e individuano precise responsabilità in capo ai soggetti economici che in questo territorio operano. In questi documenti viene sancito un principio irrinunciabile: sono gli operatori economici che devono adeguare la loro attività agli spazi disponibili, garantendo nel contempo la vivibilità del territorio e il rispetto dell’ambiente, e non viceversa" - precisa il sindaco.

Durante il consiglio sono state apportate alcune modifiche al Piano Piano speditivo di Protezione Civile - Rischio Idrogeologico, il quale ha recepito la variazione della popolazione residente e non residente, adeguando alcune norme al numero massimo di potenziali presenze (residenti-posti letto ricettività-seconde case). Detto piano sarà oggetto di ulteriore revisione a seguito dei lavori del Tavolo tecnico istituito presso la Prefettura della Spezia volto ad "elaborare una procedura – da far confluire nelle pianificazioni comunali di protezione civile – in grado di regimentare, in quelle occasioni, l’ingente afflusso di visitatori diretti in treno alle Cinque Terre, contemplando le esigenze di mobilità delle persone”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News