Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 29 Ottobre - ore 23.58

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Sono ottimista perché le Cinque Terre come paesaggio umanizzato esistono da mille anni"

Damiano è cornigliese doc e racconta il periodo: "Prima ci chiedevamo quali fossero gli spazi da manutenere, oltre alle tre vie del borgo. Adesso sappiamo la risposta: tutti”.

humans of cinque terre
"Sono ottimista perché le Cinque Terre come paesaggio umanizzato esistono da mille anni"

Cinque Terre - Val di Vara - “Corniglia non è costruita sulla stazione ferroviaria come le altre Cinque Terre, e per quanto disti solo 10’ di cammino, sono 10’ di scalinata impervia, non per tutti. È la più estesa delle Cinque Terre ma la meno densamente abitata (meno di 200 persone in tutto), quindi la più naturalmente predisposta al distanziamento sociale.
Viviamo in una grande famiglia, qui i contagi da coronavirus sono stati zero, immagino che i primi foresti che arriveranno potranno essere visti con sospetto, ma sarà un ambientamento graduale, anche per i più anziani della nostra comunità.
Sono mesi sospesi, ma anche produttivi. Positivi. Ci stiamo riappropriando dei nostri territori, si torna nei campi, si rimettono in sicurezza i muretti a secco. L’arrivo della primavera si è sentito dal fiorire delle piante invece che dall’arrivo dei turisti. I ritmi sono più distesi, seguono quelli della natura, delle stagioni. Ci siamo già tutti spostati verso attività differenti rispetto a turismo e marketing.
Mi aspetto che il turismo sarà più lento, che i viaggiatori si fermeranno per più giorni.
Nella prima fase, i turisti saranno molto più italiani, e ci sarà quindi molto più scambio relazionale, non essendoci barriera linguistica.

Sono ottimista perché le Cinque Terre esistono così come le vediamo oggi, come paesaggio umanizzato, da mille anni. Negli ultimi 3-400 anni l’economia rurale è stata potentissima, mentre il turismo esiste qui solo da 20-30 anni. Ma dietro, c’è la solidità della terra.
Potrebbe accadere un nuovo spopolamento, certo, ma sappiamo anche che esistono modi di mettere a sistema l’economia rurale col turismo.
Sapremo reinventarci: alla peggio ci metteremo a vendere le uova di gallina delle Cinque Terre. Sappiamo vendere tutto, se vogliamo. Ma sappiamo anche inventare, prendere esempio da altri. Magari berremo l’aperitivo nelle vigne, mettendo un tavolino lì al servizio dei turisti. E sarà un modo anche per loro di scoprire il dietro le quinte, il rispetto per il territorio esteso, recuperando scorci inediti, secondi sentieri. Prima ci chiedevamo quali fossero gli spazi da manutenere, oltre alle tre vie del borgo. Adesso sappiamo la risposta: tutti”.

Damiano dialoga con Filippo Lubrano
Per approfondire su Instagram clicca qui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News