Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 09 Dicembre - ore 16.38

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

'Per Tramonti': dal ricavato di vino, calendario e dizionari le risorse per i sentieri

Durante l'incontro focus sulla bellezza e la fragilità del borgo Monesteroli, lembo spezzino nel Parco delle Cinque Terre.

festa all'urban center
'Per Tramonti': dal ricavato di vino, calendario e dizionari le risorse per i sentieri

Cinque Terre - Val di Vara - Sabato 7 dicembre alle 17,30 appuntamento all'Urban Center in Via Carpenino, sotto al Teatro Civico della Spezia per la festa dell'Associazione Per Tramonti. “Per Tramonti” è la storica organizzazione di volontariato che si impegna per salvaguardare il patrimonio naturale e paesaggistico dell'area. Il suo campo di azione sono i terrazzamenti, i sentieri, i muri a secco, opere che richiedono una azione di continua manutenzione e cura. La festa di quest'anno ha un programma che intende presentare alcune di queste azioni, quelle appunto che si rivolgono a tutti, a quelli che conoscono bene il territorio di Tramonti e a quanti intendono, in occasione di questi incontri annuali, rendersi conto di quanto viene fatto, partecipare e conoscere le iniziative, dare un contributo, un sostegno.

Musica per un paesaggio
La festa si aprirà con la ripresentazione di un video realizzato nel 2018 sulla scalinata di Monesteroli, che aveva conluso l'edizione dell'anno scorso. Il video è la registrazione di un brano musicale eseguito acrobaticamente dall'Exclusive Saxophone Quartet. Il quartetto, composto da Valentina Renesto, Olga Costa, Francesca Simonelli, Stefano Angeloni, da anni aiuta l'associazione con serate musicali realizzate a Schiara, in una atmosfera particolarmente suggestiva. Il video è nato come tributo al loro impegno e alla loro professionalità. Il video vuole anche attirare l'attenzione sulla situazione del borgo di Monesteroli. Dei cinque borghi di Tramonti, Monesteroli è quello che presenta il maggiore rischio di abbandono. Per raggiungere il borgo occorre percorrere una scalinata di più di mille gradini con un dislivello di quattrocentoqundici metri. Gli interventi che possono attenuare il fenomeno dell'abbandono sono diversi, ad esempio garantire e potenziare l'accessibilità, formare consociazione tra proprietari per garantire servizi essenziali. Il progetto si sta sviluppando all'interno della comunità e dovrà essere in grado di richiedere agli enti pubblici un intervento per quanto riguarda le loro specifiche competenze, ad esempio per la messa in sicurezza delle frane che minacciano il sentiero e l'accesso al mare.

Il Mio Tramonti... sul mare
La prima iniziativa presentata è il calendario 2020 Il Mio Tramonti... sul mare.
Le fotografie sono state raccolte attraverso il contributo di fotografi appassionati di questo paesaggio che hanno partecipato con l'invio dei loro scatti. Tra questi la giuria interna ha scelto tredici immagini, che sono diventate le immagini dei 12 mesi del calendario 2020 con l'aggiunta dell'immagine di copertina.
La stampa del calendario è stata possibile anche grazie al contributo degli sponsor, Cantina Cinque Terre e Scuola di ballo Racconto Latino. Con l'edizione di quest'anno il progetto pone l'accento sul rapporto tra le terre e il mare, rapporto fondamentale e critico del territorio locale.

Dizionario enciclopedico del dialetto di Biassa
Una autentica curiosità è il Dizionario del Dialetto di Biassa, un testo che raccoglie e tramanda il linguaggio di una comunità che ha avuto una storia importante in epoche nelle quali la coltivazione dei terreni era la attività principale della popolazione. Un dizionario enciclopedico perché raccoglie i lemmi del dialetto di Biassa con vocabolario, grammatica, toponimi, antroponimi, zoomini, fitomini e tradizioni popolari. Un contributo a conservare memoria della vita e della storia di una popolazione che altrimenti rischia di essere dimenticata, con una oggettiva perdita per la cultura e la storia del territorio.

I vini del territorio.
La festa continua con la possibilità di gustare i vini legati al territorio. L'Associazione è da anni impegnata a realizzare progetti di recupero di terreni abbandonati. Uno di questi progetti ha dato vita al Cimento, il vino realizzato dall'Associazione Per Tramonti con le uve raccolte nei terreni ricevuti in comodato con la collaborazione della Cantina Primaterra. Sei anni fa l’Associazione Per Tramonti ONLUS ha iniziato a studiare la possibilità di ripiantare le viti nei terreni in abbandono nell'area di Campodonico a Schiara (Tramonti). I vigneti di questa zona erano coltivati da famiglie che si tramandavano da generazione in generazione il possesso della terra e le tecniche di coltivazione. Poi, qualcosa si è inceppato, le ultime generazioni, quelle dei nati dopo la seconda guerra mondiale, non hanno raccolto, salvo alcune eccezioni, questa eredità. È successo quindi che le persone che si curano delle vigne, una volta diventate anziane, hanno cominciato ad abbandonare i terreni. Le vigne sono state invase dalla vegetazione, i muri delle terrazze, una volta crollati, non sono stati più ricostruiti. Con l'aiuto dell'Ufficio Tramonti del Comune della Spezia, è stato possibile prendere contatti con i proprietari che stavano abbandonando i terreni ed è stato loro proposto di cedere i terreni in comodato gratuito per un periodo di 20 anni. In questo modo essi potevano mantenere la proprietà e garantire ai terreni stessi una sopravvivenza e un futuro in termini di cure agricole. Per l'allevamento dei vigneti e per la vinificazione l'associazione si è avvalsa della collaborazione appassionata di Walter De Battè, uno dei produttori più impegnati nella riscoperta di vini legati al territorio delle Cinque Terre. Il lavoro nelle vigne è diventato una opportunità per alcune persone per le quali l'attività è diventata un valido contributo economico a fronte di una situazione di precarietà.
Il primo passo, forse il più difficile, è stato quello di reperire i fondi per finanziare i lavori di impianto di nuove piante di vite. L'Associazione ha fatto appello ai propri associati e agli amici di Facebook. Ha avviato anche due campagne di crowdfunding sulle piattaforme Rete del Dono per l'Italia, e Indiegogo per l'estero. Alla fine la raccolta è risultata sufficiente per partire, anche se è stato rimandato l'acquisto delle strutture di sostegno al secondo anno. Ci sarà l'opportunità di gustare i vini del territorio in tutte le diverse interpretazioni, dalla Cantina 5 terre all'azienda Primaterra all'Azienda Agricola Albana La Torre. Uno dei vini in degustazione sarà il Cimento. L'assaggio dei vini sarà introdotto da Yvonne Riccobaldi che presenterà un breve excursus sul fare il vino e il gusto, il rapporto con il territorio e i diversi modi di intendere questo rapporto, insomma solleciterà la curiosità sull'esplorazione del significato del processo di vinificazione in relazione ai risultati nel bicchiere. I fondi raccolti attraverso la vendita delle bottiglie di Cimento, del Dizionario e del calendario saranno utilizzati rispettivamente per continuare l'operazione di recupero dei terreni e per la manutenzione dei sentieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News