Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Febbraio - ore 23.23

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Non bastano i recinti per tenere lontani i lupi"

L'allarme di Coldiretti per la Val di Vara. Baccelli: "Capi decimati negli allevamenti, temiamo anche per l'incolumità delle persone".

"Non bastano i recinti per tenere lontani i lupi"

Cinque Terre - Val di Vara - Da qualche anno la presenza di animali selvatici si è fatta sempre più ingombrante e pericolosa in tutta la Regione Liguria: cinghiali, daini e, da ultimo, il lupo sono scesi dalle zone boschive dell’Entroterra alla ricerca di cibo, arrivando non di rado vicino ai centri abitati. Ad oggi si segnala una situazione che è diventata particolarmente critica nel Levante ligure, in Val di Vara, dove si è moltiplicata esponenzialmente la presenza del lupo, arrivato da oltre Appennino e, per troppo tempo, scambiato per cane selvatico. Gli attacchi del lupo (documentati da perizie veterinarie), ormai sempre più frequenti stanno decimando le popolazioni ovine e caprine delle aziende agricole della zona, causando gravi perdite sia economiche che in termini di produzione.

“E’ una situazione critica – afferma il presidente di Coldiretti La Spezia, Sara Baccelli – che sta diventando un pericolo sia per le imprese locali, esasperate dai continui attacchi, che per l’incolumità delle persone (non si può escludere a priori che si limiteranno agli animali della fattoria). Io stessa, come allevatrice, ho subito attacchi nelle ultime settimane, perdendo un gran numero di animali e posso segnalare che molti allevamenti ovicaprini della zona hanno perso un gran numero di capi. Gli allevatori sono arrivati al limite della sopportazione: non basta recintare per tenere lontani questi animali, ma c’è bisogno che la Regione intervenga in maniera risolutiva prima che sia troppo tardi e le zone dell’entroterra ligure vengano abbandonate da chi non riesce più a lavorare e vivere serenamente”.

“Come Coldiretti siamo vicini agli allevatori in difficoltà, - afferma il direttore di Coldiretti La Liguria, Enzo Pagliano - è per questo che abbiamo nuovamente fatto presente il grave problema alla Regione. Riteniamo sia da subito necessario garantire la puntuale e corretta quantificazione dei danni, il cui risarcimento non può essere soggetto al regime de minimis , ma sottolineiamo anche che sarebbe meglio prevenire che risarcire, perché è in gioco l’economia di interi territori. L’abbandono degli allevatori, ed il conseguente abbandono delle zone colpite, esporrebbe tutto il territorio a nuovi rischi di dissesto idrogeologi (alluvioni, frane, incendi), che non possiamo più permetterci di subire. L’obiettivo che ci dobbiamo porre assieme alle istituzioni è quello di raggiungere la sostenibilità territoriale degli animali selvatici, mettendo in atto tutti gli strumenti – straordinari o non - che possano garantirla nel tempo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Matteo Salvini ha proposto la reintroduzione della leva obbligatoria per i giovani maschi. Tu che ne pensi?
































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News