Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 19 Gennaio - ore 22.51

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Le richieste delle Cinque Terre non sono pretestuose, è il servizio ad essere inadeguato"

Pronta replica da parte dei cittadini e dei rappresentanti delle categorie sostenitrici del ricorso al TAR: "Nessun invito ai “tavoli” è arrivato ai residenti, operatori e pendolari delle Cinque Terre per l’incontro odierno".

`Le richieste delle Cinque Terre non sono pretestuose, è il servizio ad essere inadeguato`

Cinque Terre - Val di Vara - "Come di consueto l'assessore Berrino dimostra di non capire o non voler capire, né di conseguenza prendere in considerazione le istanze che arrivano dal territorio. Non c'è niente di “pretestuoso”, com'egli afferma, nelle richieste che arrivano da operatori, residenti e pendolari delle Cinque Terre. A quanto pare l'assessore continua a dimenticarsi che nelle Cinque Terre il treno è non solo nei fatti l'unico mezzo pubblico per potersi muovere, ma è l'unico mezzo di trasporto per una larga parte della popolazione". Pronta replica da parte dei cittadini e dei rappresentanti delle categorie sostenitrici del ricorso al Tar in seguito all'incontro fra l'assessore e i pendolari contrari al nuovo contratto di servizio stipulato da Piazza De Ferrari con Trenitalia: "La Regione non dovrebbe, peraltro, avere come obiettivo quello di favorire il mezzo pubblico, e non ragionare in termini di mero “ritorno economico” immediato? La carenza e i buchi di servizio nel servizio invernale, lo scandaloso disservizio dei treni indicati nell'orario e non circolanti, sono le criticità provate che l'assessore contesta. E lui, invece di applicare come sarebbe avvenuto in qualsiasi luogo d'Italia sanzioni economiche verso l'erogatore del servizio, causa del disservizio, lo giustifica".

L'attacco a Berrino prosegue: "La verità è che basterebbe prendere buona nota delle istanze che da tempo gli arrivano, anziché etichettarle come “retestuose. Ma le Cinque Terre sono in buona compagnia in questo trattamento: numerose sono le realtà territoriali e di utenti in tutta la regione che a quanto pare non trovano udienza alla corte dell'assessore. E tra l'altro, come già avvenuto in passato, nessun invito ai “tavoli” è arrivato ai residenti, operatori e pendolari delle Cinque Terre per l’incontro del 30 dicembre. Come l’assessore non può non sapere, sia il servizio “Cinque Terre Express” sia la tariffa maggiorata da 4 euro sono confermate nel nuovo Contratto di Servizio con Trenitalia firmato dalla Regione, così come l'aumento tariffario del 5%. Quindi, come da copione, le decisioni sono già state prese, salvo poi assumere un atteggiamento di disponibilità di facciata. E di tutte le istanze che continuiamo a presentare, l'assessore finge di volerne prendere in considerazione una sola, stravolgendola: «se dal territorio venisse l'istanza della soppressione del servizio (del Cinque Terre Express) non potremmo che prenderla in considerazione». Ma davvero applicare la tariffa regionale significa non poter avere treni adeguati, d’estate e d’inverno? Perché invece di continuare a parlare di costi “insostenibili” del servizio nelle Cinque Terre senza tariffa maggiorata di 4 euro non fornisce i dati dei ricavi da tariffa, che non possono che essere stati elevatissimi? Ma perché mai i cittadini devono pagare per un deficit di bilancio di un'azienda che viene pagata per offrire un servizio? Se hanno fatto male i conti è un problema dell'azienda, non dei contribuenti ed utenti liguri. Ma a questo punto ci chiediamo: la tariffa maggiorata nelle Cinque Terre serve a coprire i costi del servizio, oppure a coprire anch'essa, come l'aumento del 5%, le perdite di Trenitalia «...di oltre 15 milioni di euro sul servizio regionale ligure»? Sta facendo l'Assessore il bene del territorio e dei suoi cittadini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure