Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 29 Maggio - ore 23.52

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"La strada la ripristiniamo da soli, dateci solo l'ok"

La petizione dei residenti di Ossegna e Valletti, sopra Varese Ligure, per una strada chiusa da 10 mesi a causa di una frana. "Manleviamo la Provincia da ogni responsabilità per eventuali infortuni, ma almeno potremo arrivare a casa in macchina".

`La strada la ripristiniamo da soli, dateci solo l´ok`

Cinque Terre - Val di Vara - "Visto che nessuno vuole occuparsi di noi, almeno dateci il permesso di provvedere a soli". E' il succo della richiesta spedita alla Provincia della Spezia, alla prefettura e ai sindaci di Varese Ligure e di Maissana da parte di un'ottantina di abitanti dell'Alta Val di Vara. In pratica la quasi totalità dei residenti di Ossegna e Valletti, appollaiati tra i 500 e 800 metri di altitudine nell'entroterra dell'estrema punta della provincia spezzina.
Da dieci mesi la strada provinciale che collegava i due borghi montani è chiusa a causa di una frana e ancora non è chiaro quando la viabilità sarà ripristinata. La terra è venuta giù il 10 febbraio scorso, e le istituzioni ne hanno "preso atto" con un paio di ordinanze. Palazzo del Governo ha disposto che il transito da e per Valletti avvenga su una strada privata che parte dalla frazione Campore, nel comune di Maissana, e il Comune di Varese Ligure si è adeguato deviando il tragitto del trasporto scolastico sulla stessa direttrice.

"Chi abita nel tratto vietato non può accedere alla propria abitazione con le proprie macchine, se non commettendo un illecito", fanno notare i cittadini nella petizione recapitata pochi giorni fa. "Stesso discorso vale per i mezzi di soccorso che eventualmente dovessero raggiungere la zona. Inoltre non potrà avvenire lo sgombero della neve che in inverno cade solitamente piuttosto copiosa. La situazione che si è venuta a creare obbliga all'intervento della Protezione civile e quindi va pianificato dalla Prefettura della Spezia. Infine anche chi ha macchine agricole, come trattori, non può più raggiungere terreni e proprietà".
Ma non c'è neanche più il tentativo di chiedere alla Provincia, salvata dall'abolizione dal "no" al referendum costituzionale di due settimane fa, di intervenire in prima persona. La richiesta è piuttosto di poter provvedere in prima persona. "Ovviamente solleviamo sin d'ora l'amministrazione provinciale della Spezia da responsabilità civili e penali per danni che dovessero verificarsi nel corso dell'intervento".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








FOTOGALLERY



I SONDAGGI DI CDS

Mimmo Di Carlo in scadenza di contratto, vorreste vederlo ancora sulla panchina dello Spezia?
56,3% 
43,7% 






























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure