Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 26 Aprile - ore 12.45

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Ho lasciato 'A piè de ma' per aprire un posto di vera conoscenza"

Yvonne Riccobaldi ha salutato Riomaggiore e uno dei bar più invidiati al mondo per abbracciare una nuova esperienza a Manarola: "Non basta che siano solo paesaggi da visitare e attraversare. "A piè de campu" nasce per un turismo di qualità".

"iniziavo a non sentirlo come prima"
"Ho lasciato 'A piè de ma' per aprire un posto di vera conoscenza"

Cinque Terre - Val di Vara - Una nuova storia da vivere. Da "A piè de ma" a Riomaggiore a "A piè de campu" in quel di Manarola, il passo sembra breve, specialmente per chi non conosce perfettamente le differenze, enormi, fra i borghi e le persone che abitano le Cinque Terre. Ma la decisione di Yvonne Riccobaldi di lasciare la conduzione di uno dei bar più amati e fotografati al mondo, finisce per essere un vero e proprio manifesto del cambiamento imposto da chi cerca salvezza, quanto meno mentale, dalle logiche del turismo di massa che ha aggredito non soltanto i paesaggi ma ha anche gradualmente modificato la mentalità di chi oggi si ritrova più ricco e fragile, protagonista di una vita sacrificata alle orde di odiatissimi visitatori, assolutamente necessari se si vuole campare bene e giustificare la vitaccia. Ebbene domenica 15 aprile la superattiva Yvonne, insieme a Tino Celano con cui da tanti anni gestisce in centro Spezia "L'Acronia", è pronta per una nuova sfida: dalle 14 in poi si schiuderanno le porte della cantina "Piè de campu", che nominalmente strizza l'occhio al predecessore ma che finisce per essere un tentativo di cambiare il paradigma e gestire i flussi per... selezione naturale: "Questo progetto nasce da esperienza più che ventennale nella ristorazione e da più di un decennio dalla qualifica di sommelier che ha portato me e il mio team a creare uno spazio adatto a promuovere il territorio delle Cinque Terre". Che cosa cambia rispetto al passato Yvonne lo spiega subito dopo: "Vogliamo fare tutto questo attraverso le nostre risorse, per alzare il livello qualitativo dei turisti che avranno la sensibilità di conoscere nel profondo questo lembo di terra".

Degustazione di vini ma anche percorsi nelle vigne, conoscenza dei produttori, corsi di pesto, di cucina, di focaccia. "Tutto in maniera semplice ma autentica, siamo nativi del luogo ed amiamo la nostra terra: sui nostri ripiani si troveranno vini di tutte le cantine delle Cinque Terre e nessun vino proveniente da altre zone vitivinicole, cosi i prodotti che qualche azienda produce, quali olio, marmellate di agrumi, miele, acciughe salate. Crediamo che la cultura di un territorio passi attraverso la conoscenza della propria terra, quindi di ciò che produce e che ha prodotto per secoli". E qui sta l'altra faccia della medaglia che Yvonne sottolinea ripensando a quella magica terrazza: "Non basta che siano solo paesaggi da visitare e attraversare perché belli, ma sono anche una risorsa e danno frutti unici e autentici. Il passato? A Pie de ma è stato un mio grande amore, pensato, creato, costruito e vissuto. In quel bellissimo posto ho messo la mia personalità e la mia anima, ma dopo sedici stagioni mi sono resa conto che iniziavo a non sentirlo come prima". Sedici anni in cui alle Cinque Terre, particolarmente a Riomaggiore nonostante la chiusura della Via dell'Amore negli ultimi cinque anni, sono cambiate tanto: "Lo stress delle stagioni, il volume di turisti sempre più di massa e meno di qualita mi hanno fatto riflettere e decidere, senza nessun rimpianto ma anzi con gioia di averlo creato e vissuto, di lasciarlo. Mi sono portata via l'anima che negli anni si è fusa con me e conserverò per sempre. Ma rimane un bar in un bel posto, bellissimo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










Stagione virtualmente finita in casa Spezia, tempo di bilanci. Chi merita la conferma nel settore tecnico secondo i lettori?

































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News