Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 23 Ottobre - ore 19.25

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Un "Campus" per mettere assieme le scuole di Levanto

Presentato oggi lo studio di fattibilità: asilo, elementare, medie e liceo in un unico plesso. Intervento misto pubblico-privato senza esborso per il Comune.

Un "Campus" per mettere assieme le scuole di Levanto

Cinque Terre - Riviera di Levante - Un nuovo polo scolastico per Levanto, che accorpi asilo, scuola dell'infanzia, scuola media e liceo scientifico in un unico plesso. Oggi la presentazione dello studio di fattibilità di questo "Campus" che dovrebbe sorgere il Via Martiri della Libertà con lo spostamento delle scuole d’infanzia e della primaria, attualmente entrambe ubicate in Corso Roma, nell’area in via Martiri della Libertà. L’investimento previsto è di circa 7 milioni di Euro.
Oltre all'obiettivo di ricomporre le funzioni scolastiche presenti sul territorio, l'idea espressa dal progettista ingegner Carlo Rancati è di destagionalizzare l’utilizzo del nuovo campus, favorendo la fruizione nel periodo estivo da parte di studenti esteri che vi troverebbero alloggio nell’ambito di un circuito di scambio culturale tra studenti di varia provenienza (e quindi anche levantesi). Insomma uno strumento di marketing territoriale e di attrattività turistica secondo il Comune di Levanto.

Verrebbero dismesse la vechia scuola primaria dei primi anni del ‘900 e la scuola d’infanzia che risale agli anni ‘70, oltretutto non a norma sotto il profilo della sicurezza sismica. Sarebbe conservato il valore storico ed architettonico dell’edificio da dismettere dell’attuale scuola di corso Roma, oggetto non solo di tutela paesaggistica ma anche di affezione e di memoria per la collettività levantese, preservando lo stile dell’involucro esterno dell’edificio esistente e mantenendo buona parte delle murature portanti interne.
Non secondariamente lo scopo è ridurre drasticamente il flusso veicolare su corso Roma, avviando la riqualificazione della principale arteria del centro storico.

I due nuovi edifici in cui trasferire la scuola d’infanzia e la scuola primaria avrebbero superficie rispettivamente pari a circa 720 mq e 1.300 mq; la palestra di circa 870 mq, e sarebbe fruibile anche da parte della collettività locale. Previste aree verdi e ricreative per circa 3.000 mq, percorsi pedonali coperti e luoghi di aggregazione per circa 650 mq.
Per la realizzazione del progetto, in considerazione della scarsità delle risorse pubbliche da destinare ad investimenti, si è scelta la modalità del partenariato pubblico privato (PPP), espressamente prevista dal Codice degli appalti, consistente in forma di cooperazione di tipo contrattuale nella quale l'operatore pubblico e quello privato integrano competenze e risorse per realizzare, ed eventualmente gestire, opere pubbliche in funzione delle diverse responsabilità ed obiettivi.

Nel caso specifico, fra le possibili forme di partnership pubblico privata utilizzabili, si è optato per l’ “Appalto lavori con trasferimento della proprietà di beni immobili”, che permettere all’amministrazione comunale di Levanto di pagare il prezzo dell’opera facendo ricorso alla leva patrimoniale, consistente nella cessione del diritto di proprietà degli immobili che ospitano attualmente la scuola d’infanzia e la scuola primaria, unita alla possibilità per l'appaltatore di valorizzarli in cambio della realizzazione di nuovi edifici scolastici.
Questo, secondo il Comune, per evitare il ricorso a qualunque forma di indebitamento, oggi, peraltro, reso proibitivo dai rigorosi vincoli di bilancio imposti dal Patto di stabilità.
In questi giorni arriva a conclusione lo studio di fattibilità tecnico-economico, documento multidisciplinare in cui vengono identificate sia le condizioni realizzativo-progettuali che di sostenibilità finanziaria dell’intervento. Nei prossimi mesi la progettazione preliminare, poi il bando di gara a cui affidare l’identificazione del partner privato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News